May 2017, a wednesday night

T h e   A g e n d a
MAY 2017, A WEDNESDAY NIGHT
di Brevevita Letters

Era maggio mi pare, capitai a Camden perchè ci stava un concerto di un gruppo che mi piaceva. Arrivai nel locale. Da fuori sembrava una topaia come tante.
Erano le 19,30.
Il locale apriva alle 20,45.
Mi rimaneva giusto il tempo per una birra e una sigaretta.

Entrai in un pub lì vicino.
Sui 4 maxischermi del pub trasmettevano la semifinale di champions league Barcellona Juventus. Preciso, pensai. Presi la birra e mi sedetti a un tavolo. Dopo 8 secondi scoprii di essermi seduto a un tavolo con 3 italiani. Uno di Parma, uno di Siracusa e uno di Sant’Egidio alla Vibrata, provincia di Teramo. Quello di Parma era il più vicino ai miei standard. Aveva la barba rossiccia e aveva l’espressione di uno piuttosto navigato. Gli risero gli occhi quando gli accennai qualcosa riguardante la Sambenedettese, in particolare lo stadio Ballarin.

Gli raccontai che una volta, al Ballarin, durante un Sambenedettese-Parma, sullo 0 a 0, a 15 minuti dalla fine il Parma fece entrare un ragazzino di 16 anni, era Nicola Berti. ‘Sto ragazzo andava come un treno e in 15 minuti ne combinò di cotte e di crude. Tipo discese sulla destra a 150 orari che Falcetta ed Ipsaro Passione, difensori della Samb, non sapevano dove mettere mano.

Il Parma vinse uno a zero ed era chiaro che quel bambino sarebbe diventato uno da 300milioni di dollari, o quasi. Diciamo “quasi”, perché col passare degli anni Nicola Berti espresse alcune devianze: tipo che era l’unico calciatore capace di presentarsi a un raduno precampionato con 15 chili di sovrappeso.

Quello di Parma disse: Berti non mi è mai piaciuto perché nelle interviste non perdeva mai occasione per puntualizzare: io sono di Fidenza, non di Parma.
Quello di Siracusa aveva anche lui la barba e rideva di continuo: metteva il buonumore.
Quello di Sant’Egidio invece prese la parola verso la fine del primo tempo e disse: “che cosa sei venuto a fare a Londra?”

Niente, gli ho detto, a farmi un paio di birre.
Non mi piaceva. Aveva la faccia di uno che vuole giudicare le persone.
Poi mi sono alzato dal tavolo mentre qualcuno della Juve la buttava dentro.

Brevevita Letters
published on Sunday, December the 30th, 2018.
written in October 2017




wow, you’ve found a matching song!
“La Torre di Babele” by Edoardo Bennato, from the self-titled album, released in 1976