evoluzione 2012-2016

T h e   A g e n d a
EVOLUZIONE 2012-2016
di Brevevita Letters [nella foto: Joseph Arthur al Teatro Concordia, fotografato da Luca Cameli]

Questi sono stati anni per certi versi bui, per certi versi didattici, e in alcuni rari casi anche entusiasmanti.
Sono stati anni in cui s’è seminato ancora e tanto.
Nonostante l’enorme mole di lavoro che ci eravamo sobbarcati col locale, non era venuto ancora il tempo di raccogliere (forse questo tempo non verrà mai, ma va bene così).

Da una parte, il fatto di non avere più un punto vendita fisico ci mancava maledettamente, dall’altra eravamo più liberi di pensare ad eventi più grossi, che al Brevevita Videobar di centobuchi (ap) non ci potevamo assolutamente permettere, per molteplici motivi: dimensioni del locale, impossibilità di praticare un pagamento del biglietto all’entrata, mancanza dei requisiti necessari per ospitare eventi di livello professionalmente e tecnicamente elevato.

Da questa situazione agrodolce vennero fuori alcune cose memorabili ed anche impensabili, come ad esempio due importanti concerti sold-out che nella profonda provincia hanno lasciato il segno: il concerto degli Spain al Geko di San Benedetto del Tronto (AP) e il concerto di Joseph Arthur al Teatro Concordia di San Benedetto del Tronto (AP).

Nel frattempo, l’intensificarsi dei rapporti con le cantine è stato quasi inevitabile.
Agivamo come intermediari all’ingrosso.
Organizzavamo serate che avevano come location le cantine stesse.

Sono stati anni di tessitura lenta.

Abbiamo soppesato almeno 100 volte la possibilità di riaprire in un locale più spazioso, sempre in zona province Ascoli/Teramo, ma alla fine è venuto fuori l’estero. Il pallino ce l’avevamo sempre avuto. E insomma l’abbiamo fatto. Per una serie di motivi abbiamo scelto Londra, e qui abbiamo ricominciato da zero, dall’ultimo dei gradini della scala sociale.

Brevevita Letters




wow! you’ve found a matching song:
“Spiritual”, a wonderful Spain’s song (originally from the album “The Blue moods of spain”, Sept. 1995), featured by Johnny Cash, from his album “Unchained”, 1996